Sindacato Pensionati Italiani Vicenza

Cerca
Close this search box.

cerca

Una svolta in materia di politica assistenziale in favore di invalidi civili totali

Con la sentenza numero 152 pubblicata il 20 luglio 2020 i giudici si sono pronunciati sull’incostituzionalità dell’art 38 della legge 448/2001 riguardo alla misura di prestazione assistenziale a favore degli invalidi civili totali.
Si tratta di una sentenza destinata a fare storia perché tocca una materia particolarmente sensibile qual è la
salvaguardia del diritto a una vita sostenibile delle persone più svantaggiate.
La decisione della Consulta non avrà effetto retroattivo, per cui non saranno erogati eventuali arretrati spettanti ma solo quelli maturati dal giorno successivo a quello di pubblicazione della sentenza sulla Gazzetta Ufficiale.

Per chiarezza  gli invalidi civili totali di età compresa tra 18 e 59 anni potranno ottenere l’incremento della pensione di inabilita’ civile da 285,66€ al mese a 649,45€ (651,51 nel 2020) a condizione di possedere i seguenti limiti reddituali: per l’anno 2019 euro 8.442,85 per il pensionato solo ed euro 14.396,72 per il pensionato coniugato e per l’anno 2020 euro 8.469,63 per il pensionato solo ed euro 14.447,42 per il pensionato coniugato. Chi non si trova in questa condizione continuerà a ricevere la prestazione di  € 285,66.

Nei prossimi giorni sia il Governo sia l’INPS dovranno fare chiarezza su tempi e modalità con cui dovranno
dare attuazione alla sentenza.
Per parte nostra, insieme alla CGIL e all’INCA, faremo tutti gli approfondimenti necessari in modo da offrire a
quanti si rivolgeranno alle nostre sedi il massimo di assistenza che la situazione richiede.

Condividi il post

Ultimi post

Il 23 aprile è stato approvato dal Senato, nel contesto del decreto PNRR, un emendamento all’articolo 44 con cui il Governo

Per un’idea di Europa solidale con al centro il lavoro Chi è Ivan Pedretti: nasce il 30 settembre 1954 a

I quattro quesiti 1. CANCELLARE IL JOBS ACTper dare a tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori il diritto alla reintegrazione